25 novembre 2018 – Giornata Internazionale Contro la Violenza sulle Donne

Unendosi come ogni anno alla voce, nazionale e internazionale, in occasione della Giornata Internazionale Contro la Violenza sulle Donne, per rimarcare il doveroso contrasto al drammatico fenomeno della violenza di genere che si manifesta in forme diverse, dalle più subdole ugualmente nocive, alle forme più manifeste e distruttive, vorremmo essere ancora più incisive. Questanno la Commissione Dirigenti Cooperatrici Nazionale Confcooperative e la Commissione Dirigenti Cooperatrici Lazio Confcooperative, promuovono congiuntamente uniniziativa da estendere a tutte le Commissione Dirigenti Donne Regionali, alle Unioni Territoriali, ai Gruppi Giovani Imprenditori, alle Federazioni nazionali e regionali, alle cooperatrici e ai cooperatori, nonché alla nostra dirigenza e agli uffici confederali, proponendo di condividere queste significative iniziative;

  • Aderiamo al gesto concreto del Posto Occupato (www.postoccupato.org) lasciando una sedia per tutte le donne che non possono più occuparla e che devono essere ricordate. Lo facciamo lasciando sulla sedia uno scialle rosso o arancione e esponendo la locandina che trovate allegata, in particolare durante le riunioni e gli incontri nelle giornate dal 22 al 26 novembre, ma estendendo limpegno ad ogni altra occasione pubblica, interna o istituzionale, durante tutto lanno.
  • Indossiamo un segno arancione, un fazzoletto una spilla una sciarpa…, per rendere visibile la nostra protesta contro linaccettabile!
  • Condividiamo questa frase sui canali di comunicazione, per il riconoscimento della nostra comune azione

“NO ALL’INFINITO, AFFINCHE’ LA VIOLENZA SIA FINITA”

  • Diffondiamo ognuno di questi piccoli gesti concreti, anche con le nostre foto, tramite i siti, i canal social, le pagine web professionali e personali

Vi ricordiamo che il Segretario Generale dell’ONU ha proclamato il 25 di ogni mese Orange Day – Giornata arancione, per aumentare la consapevolezza e la prevenzione della violenza verso donne, ragazze e bambine. Si invita tutti a prendere l’abitudine ad indossare, non solo il 25 novembre, ma ogni 25 del mese qualcosa di arancione: una sciarpa, un foulard, un nastro, una pochette da taschino – “…come testimonianza e speranza che i segni visibili di denuncia e di consapevolezza della lotta alla violenza di genere si moltiplichino, aiutino a promuovere il rispetto per la persona e un cambiamento culturale. Vogliamo che non ci siano più donne costrette a “indossare” i segni della violenza fisica e psicologica”